ENAM, ente nazionale di assistenza magistrale: ecco i servizi che offre

ENAM, ente nazionale di assistenza magistrale: ecco i servizi che offre

L’EX E.N.A.M. (ente nazionale di assistenza magistrale) è stato un ente pubblico italiano le cui competenze sono passate all’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS).
L’ENAM è stato soppresso dal governo Berlusconi con la legge n. 122 del 30 luglio 2010 e ne ha passato le funzioni (compresi i rapporti attivi e passivi) all’Istituto nazionale di previdenza e assistenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica (INPDAP), a sua volta soppresso dal governo Monti con la legge n. 214 del 27 dicembre 2011. Le competenze, da allora, sono confluite in quelle dell’INPS.
Era un ente riservato agli insegnanti e ai direttori didattici delle scuole elementari e delle scuole materne statali. Nell’ENAM andarono a confluire l’Istituto nazionale per gli orfani dei maestri elementari e l’Istituto nazionale di assistenza magistrale.
L’EX ENAM aveva compiti prevalentemente assistenziali e previdenziali ma si caratterizzava anche come centro di servizi per gli iscritti.
Gestiva una cassa mutua di piccolo credito che veniva utilizzata per concedere piccoli prestiti ai propri iscritti.
Consentiva anche l’erogazione di borse di studio e soggiorni terapeutici per i docenti.
Le risorse dell’EX E.N.A.M. sono costituite quasi esclusivamente dalle quote che gli iscritti versano obbligatoriamente all’Ente. Sono pari allo 0,8% della loro retribuzione mensile (solo voce stipendio) e vengono trattenute direttamente dalle Direzioni Provinciali dei Servizi Vari del Tesoro. L’importo di tali quote, per un insegnante che si trova a metà carriera, si aggira circa a €10,00 al mese.
La trattenuta, è bene precisarlo, è solo per i docenti di scuola dell’infanzia e primaria mentre per i docenti della scuola secondaria di primo grado è stata abolita ormai da 30 anni. Tale voce viene trattenuta direttamente sullo stipendio dei docenti e non è possibile revocarla.
I pensionati non versano alcuna quota all’E.N.A.M. All’atto del loro collocamento a riposo cessa la trattenuta mensile in favore dell’Ente, ma rimane il diritto, per il pensionato e i suoi familiari assistibili, a fruire delle prestazioni che l’Ente eroga.
Sono iscritti d’ufficio all’Assistenza Magistrale, Gestione EX ENAM:

  • gli insegnanti a tempo indeterminato di scuola statale dell’infanzia e primaria;
  • i docenti di religione cattolica assunti nei ruoli della scuola statale dell’infanzia e primaria;
  • i dirigenti scolastici provenienti dall’ex ruolo di direttori didattici;
  • i direttori dei servizi generali e amministrativi provenienti dalla legge 2 dicembre 1967, n. 1213

Di seguito i servizi che offre

Settore mutui e prestiti:

  • Richiedere un piccolo prestito agli iscritti d’ufficio alla Gestione Assistenza Magistrale
  • Contributo straordinario a iscritti Gestione Assistenza Magistrale

Settore diritto allo studio e alla formazione:

  • Erogazione assegni di frequenza per figli e orfani di iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale

Altri servizi:

  • Contributo per spese sanitarie per iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale
  • Ospitalità presso “Case del maestro” per iscritti Gestione Assistenza Magistrale

Sul sito INPS è comunque possibile verificare ulteriori iniziative che dovessero essere attivate.
Per l’accesso ai servizi online INPS e dunque anche EX ENAM, è necessario avere un PIN rilasciato dall’Istituto (codice di 16 cifre) o una identità SPID almeno di livello 2, o una Carta di identità elettronica 3.0 (CIE), o una Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

error: Il contenuto è protetto da copyright!!